LA CLASSE E LA SCUOLA SCOMPOSTA

Testi  di riferimento A breve sarà pubblicata tutta la sperimentazione circa la “scuola scomposta”

Argomenti introduttivi

Il contesto

Perchè una didattica per competenze

La didattica per competenze

Il nostro metodo si applica a tutti gli ordini di scuole, dall’infanzia alle scuole secondarie di secondo grado, tenendo sempre in considerazione l’evoluzione del percorso educativo dal bambino all’adolescente immesso in un mondo interconnesso in cui le tecnologie sono parte integrante della vita di tutti i giorni; tecnologie che modificano profondamente gli ambienti di apprendimento e le modalità con cui anche i bambini/adolescenti acquisiscono informazioni ed elaborano una costruzione collaborativa di conoscenze.

Ambienti di apprendimento

La Montessori definisce l’adolescenza “come una questione che va ben oltre l’educazione, poiché si tratta di una questione sociale, umana ed anche storica, visto che è la storia stessa a dirci che le scuole e educazione degli adolescenti devono essere cambiate per conformarsi all’evoluzione dei giorni nostri”, siamo sicuri che se Maria Montessori fosse vissuta oggi non avrebbe di certo ignorato il valore che la tecnologia ha nella modificazione dell’apprendimento dei nostri ragazzi, vedendo nella digitalizzazione della società il nuovo ambiente in cui i nostri ragazzi vivono e comunicano.

Nel metodo Montessoriano spicca con evidenza come l’adolescente abbia fortissimo il desiderio di esplorare e di inserirsi positivamente nella società, trasformando la visione “adulto centrica dell’adolescente in una visione che si focalizza sul come estendere e rendere via via più complessi ed articolati i contenuti dell’istruzione” (Opera Nazionale Montessori).

Non possiamo che guardare con grandissima attenzione quanto Maria Montessori ci ha suggerito, cambiamenti che spontaneamente abbiamo osservato, sorti dalle esperienze giornaliere in classe, nel rendere il ragazzo protagonista del proprio percorso di apprendimento, cercando di far nascere riflessione, autovalutazione, senso critico.